Cos'è un Thangka?

asian art thangka tibet

Thangka è una parola tibetana usata per definire le opere di pittura a scorrimento progettate per essere portatili e, quando non utilizzate, arrotolate. La parola "thangka" significa "cosa che si srotola".

Il disegno, realizzato con minerali e pigmenti, viene generalmente applicato sulla superficie di tela di cotone preparata o, più raramente, su seta. Il soggetto dei thangka può essere religioso o laico ed è generalmente suddiviso in tre categorie: figurativo, narrativo e diagrammatico. I soggetti figurativi possono essere sia non iconici che iconici. Le figure non iconiche sono principalmente soggetti della narrativa del Buddismo Fondamentale e Mahayana e possono essere rappresentate con libertà artistica in una certa misura. Le figure iconiche sono legate al Vajrayana e al Buddismo Tantrico e sono Buddha, Bodhisattva e Divinità che devono avere un aspetto fisico fisso a causa del loro ruolo di supporto della pratica meditativa. I thangka narrativi descrivono eventi della vita di un particolare soggetto, principalmente quello di Shakyamuni Buddha. Le opere schematiche sono principalmente mandala, argomenti astrologici o medici.

La prima storia della pittura buddista tibetana è tracciata su antichi murales da cui è stata sviluppata l'arte della pittura su stoffa. La maggior parte dei primi artisti erano probabilmente monaci, anche se sembra che siano esistiti artisti laici e i thangka erano fatti principalmente per essere esposti nei monasteri.

La maggior parte dei thangka sono stati commissionati da individui, che si credeva acquisissero meriti così facendo. Potrebbero quindi essere dati a un monastero oa un altro individuo, o essere conservati per l'uso dal commissario. Alcuni thangka hanno iscrizioni sul retro che registrano che erano l'immagine personale di meditazione di un lama o di un monaco. I Thangka sono firmati molto raramente, ma alcuni artisti sono conosciuti, principalmente perché erano importanti leader monastici piuttosto che artisti famosi.

Stili di Thangka tibetani

Gli stili possono variare considerevolmente tra le diverse regioni del Tibet e la regione più ampia in cui sono stati dipinti i tangka. I diversi ordini monastici svilupparono anche caratteristiche stilistiche alquanto differenti.

L'arte dei thangka tibetani iniziò circa 1000 anni fa (11esimo secolo), con i primi stili che mostravano una forte influenza al di fuori del Tibet come il Kashmir, l'India settentrionale e il Nepal. Fu solo dal 15esimo secolo in poi che i veri stili di pittura tibetana si svilupparono con gli stili Khienry e Menri. Altri importanti stili/tradizioni tibetane sono il Gyantse (16esimo secolo), Karma Gardri, Lhatog (17esimo secolo) e il New Menri (17esimo<< /sup>-19esimo secolo).

I colori di sfondo principali dei thangka tibetani sono nero, oro, rosso e multicolore; ogni colore è caratteristico di un soggetto specifico. Pertanto, il nero è solitamente utilizzato per dipinti che raffigurano soggetti adirati e temibili; l'oro è comunemente usato per le immagini del Buddha e il rosso è usato per tutte le divinità del potere del tantra. I ringraziamenti con sfondi di altri colori, come argento, verde e blu, sono stati sviluppati solo di recente.

Come leggere un thangka

Ci sono quattro passaggi per farlo correttamente:

  1. Da grande a piccolo
  2. Da cima a fondo
  3. Da sinistra a destra
  4. Dall'interno all'esterno

Di solito, i thangka hanno una figura centrale principale più grande, e a volte hai solo questo con un paesaggio sullo sfondo. A volte hanno altre figure più piccole sopra e/o sotto la figura centrale principale in modo che la cifra centrale più grande sia sempre il punto in cui inizi a leggere correttamente un thangka ed è sempre la più importante (da grande a piccola).

Poi vai alle figure in alto e la più importante è quella centrale in alto. Le figure meno importanti sono quelle sul fondo del dipinto (dall'alto in basso).

La terza figura più importante raffigurata in un thangka è quella in alto a sinistra (da sinistra a destra) e infine ci sono le figure che sono dipinte ai lati della figura centrale principale (dall'interno all'esterno) 

Perché acquistare un Thangka

I Thangka sono bellissime opere d'arte, dal significato simbolico ed esoterico, ma sono anche, per i praticanti buddisti, uno strumento di devozione e un supporto per la pratica della meditazione. Pertanto, i thangka sono molto più che semplici dipinti e aggiungeranno un tocco di spiritualità e benedizione al tuo ambiente personale e professionale. Inoltre, acquistare thangka di qualità e antichi è un buon modo per investire i tuoi soldi.



.